La Nuit de Varennes (La notte di Varennes)

august_nuitdevarennesIl film di Ettore Scola, intitolato in italiano Mondo Novo. La notte di Varennes, è basato su un episodio della Rivoluzione francese, il tentativo di fuga del Re Luigi XVI, nella notte del 20-21 giugno 1791, episodio che segnò l’inizio della fine per i reali di Francia:

http://en.wikipedia.org/wiki/Flight_to_Varennes

Basandosi su un romanzo di Catherine Rihoit del 1982, Scola mette in scena uno straordinario e immaginario incontro tra Rétif de la Bretonneretif (ritratto qui a destra), grande poligrafo e autore di romanzi “pornografici” (definito spregiativamente “il Voltaire delle cameriere”) nonché testimone oculare delle “notti rivoluzionarie,” Thomas Paine, lo scrittore inglese, sostenitore dell’indipendenza americana e della rivoluzione francese, autore di The Age of Reason (1793) e il vecchio Casanova, anche lui in fuga rassegnata dalla Francia verso la sua ultima residenza, il castello di Dux dove finirà i suoi giorni.

Ha scritto Roger Ebert (al quale il film nel suo complesso non è piaciuto): “Still, the film has moments of great charm. Many of them belong to Marcello Mastroianni, in a wonderful performance as Casanova. He has been everywhere and done everything, and as a result is very tired. He is also vain, powdering his nose, adjusting his wig, keeping up appearances. But he is just too satiated by past excesses to take an interest in future ones, and he fends off the women attracted by his reputation. The way Mastroianni projects Casanova’s weariness, wisdom and infinite sadness is very touching. His performance deserves a footnote in film history as a variant of the Casanova he might have given us in “Fellini Casanova” (1977), if Fellini had not at the last moment decided to cast Donald Sutherland instead of Mastroianni.”

Si può collegare questa immagine di Casanova claudicante, ridotto alla caricatura di se stesso, ma ancora capace di esercitare un certo charme sulle sue compagne di viaggio e sullo spettatore all’immagine che ce ne da’ Sebastiano Vassalli nella novella Dux, e al ritratto che ce ne ha lasciato un altro grande testimone del secolo, il principe di Ligne, zio del conte di Waldstein, proprietario del castello di Dux, che leggeremo oggi in classe.

Annunci
Published in: on 16 aprile 2009 at 9:28 am  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://casanova09.wordpress.com/2009/04/16/la-nuit-de-varennes-la-notte-di-varennes/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: